di Ana Maria Blanca De Agüero Prieto – Cuba
con: Alessandra Borgia, Lisa Falzarano, Ivana Maione
regia di Alina Narciso
Luci: Antonio Gatto
Costumi: Annalisa Giacci e Maria Rosaria Riccio

Descrizione

Il testo Teresa, Muerte sublime ha vinto la IV edizione del Concorso internazionale di drammaturgia delle donne “La scrittura della differenza” con la seguente motivazione:

Per la sapiente costruzione drammaturgica del testo che utilizzando la mise en abyme del teatro nel teatro riesce, portando allo scoperto il gioco della messinscena, nel non facile risultato di dare ai personaggi una grande complessità: ne vengono fuori personaggi a tutto tondo capaci di rappresentare con grande delicatezza una relazione amorosa diseguale tra una donna lesbica e l’altra, “suo oggetto d’amore”.

E difatti lo spettacolo mette in scena tre personaggi femminili – due attrici e una regista – impegnate nel montaggio di un’opera che racconta la relazione tra due donne – Olanthay e Teresa – e che snodandosi quasi come un giallo poco alla volta rivela che in realtà lo spettacolo non è altro che un tentativo da parte della regista di ricostruire e capire questa difficile relazione d’amore di cui lei stessa è stata una delle protagoniste.

Lo spettacolo alterna momenti fortemente drammatici a momenti di vero e proprio divertimento soprattutto quando ironizza su “tic” e vizi del mondo teatrale riuscendo in tal modo a mantenere lo spettatore avvinto ed emotivamente coinvolto in questo gioco di ricostruzione fino alla catarsi finale. Perché proprio di catarsi si tratta pur se nelle forme e nei modi del teatro contemporaneo.

Il testo è stato pubblicato nel libro La scrittura della differenza 2008 – terzo volume dedicato ai testi vincitori del premio – a cura di Anna Maria Crispino, edito da Iacobelli.

L’autrice

Ana Maria Blanca De Agüero Prieto, nasce a Santiago di Cuba nel 1936. Figura chiave della storia del teatro cubano post rivoluzione: comincia la sua vita artistica dopo il trionfo della rivoluzione nell’anno 1962 e ne accompagna i momenti culturali più esaltanti come ad esempio la creazione della prima televisione a Cuba – Tele Rebelde – o la fondazione del teatro universitario dell’Università d’Oriente. Inizia, difatti, come attrice del gruppo teatro Mella, primo gruppo professionale della rivoluzione Cubana per poi proseguire la sua carriera come regista e poi anche drammaturga ricevendo un’infinità di riconoscimenti, diplomi e premi. La sua carriera è illustre sia come attrice che come regista. Attualmente collabora con il Museo Pratt Puig della sua città natale.

Galleria Fotografica