Articolo dal “Roma”, 03/05/2013